Home Page - Dialettica e Filosofia Home Page Forum e news Profilo Facebook di Dialettica E Filosofia
 
Redazione Presentazione
   
Quaderni2
 Elenco quaderni
 
Didattica
 Autori
 Bibliografie
 Percorsi
 Temi
 
Dialettica e Filosofia
 Recensioni/Interviste
 Saggi/Temi
 Riviste/Eventi
 Sitografia
 
Filosofia e Economia
 Recensioni/Interviste
 Saggi/Temi
 Riviste/Eventi
 Sitografia
 
Didattica:autore
[torna indietro]
LA SCUOLA OPERATIVA ITALIANA

La scuola operativa Italiana

Negli anni ’40 dall’incontro di Silvio Ceccato, Vittorio Somenzi e Giuseppe Vaccarino nacque la Scuola Operativa Italiana che coinvolse studiosi di varia provenienza disciplinare, italiani e stranieri, intorno al tentativo di modellizzare l’attività mentale ed i rapporti fra questa e il linguaggio.
Il principio fondamentale della tecnica operativa consiste nel considerare ogni contenuto mentale (percezioni, immagini mentali, concetti, pensieri, parole, etc.) come risultato di operazioni, perciò la spiegazione di un contenuto mentale consisterà nel descrivere le operazioni di cui esso è risultato, cioè nel farsi consapevoli delle proprie operazioni, ciò che Ceccato ha chiamato consapevolezza operativa.
Ad esempio, una penna mi si fa incontro in primo luogo come “presenza”, poi la specifico come oggetto osservato, e, dunque, le assegno un posto nello spazio e ne individuo la funzione (una punta che lascia un segno, l'impugnabilità, etc.) per confronto con un paradigma costituito in precedenza (un paradigma di caratteri indispensabili perché sia una penna).
Dispongo così di singoli contenuti mentali che nelle “operazioni correlazionali” collego per farne un pensiero: se costituisco "carta" e se la evoco assieme a penna, ottengo "carta e penna", se aggiungo "tavolo", ecco "carta e penna sul tavolo", ampliando così la rete correlazionale. Infine nelle “operazioni consecutive” integro questi pensieri nella rete di conoscenze di cui dispongo, facendo in modo che siano con essa compatibili. Dunque, si costituiscono gli elementi, si combinano insieme a formare un pensiero e infine si integra questo nuovo pensiero nel sistema delle conoscenze e delle esperienze personali per vedere se ha senso .
Quando i costrutti attenzionali vengono inseriti in triadi, in cui due sono correlati ed uno è il correlatore (ovvero una categoria di rapporto), come abbiamo visto, si ottiene un “pensiero”.

www.costruttivismoedidattica.it/teorie/teorie_operativa.htm
Home | Redazione | Presentazione | Comitato Scientifico | Contatti


FORUM E NEWS iscriviti!


Tutto il materiale pubblicato su questo sito è sottoposto a Licenza Creative Commons.

Ideazione C. M. Fabiani nell'ambito del POR PUGLIA 2000 – 2006 - Asse III, Misura 3.12 - “Miglioramento delle risorse umane nel settore della ricerca
e sviluppo tecnologico” Azione a) Intervento specifico A.1): “Borse di ricerca”
Dialettica e filosofia - ISSN 1974-417X [online]
 Copyright 2007 Dialetticaefilosofia.it - Realizzazione sito: Smartcom Srl - Lecce Siti Internet - Assistenza Computer - Reti Computer -  Lecce